<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=184280595606204&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

5 modi per motivare i collaboratori millennial

motivare i collaboratoriAttrarre e motivare i collaboratori più giovani riserva alle aziende molte opportunità: oltre a costituire la percentuale predominante della forza lavoro globale nei prossimi anni, i millennial incarnano i valori delle imprese a cui appartengono.

Forti di uno spirito di iniziativa e indipendenza, gli appartenenti alla generazione definita anche Y, attribuiscono molta importanza alla soddisfazione. Per questa ragione, è indispensabile stimolare creatività e intuito dei talenti, in qualunque situazione. Vediamo come, con cinque pratici consigli.

Generazione Y: perché motivare i collaboratori è strategico

Attrarre talenti è un obiettivo del dipartimento di Risorse Umane, coinvolto nello sviluppo e nella crescita aziendale.

Tuttavia, le attività di recruiting non sono sufficienti per garantire un ambiente di lavoro sereno e pronto al cambiamento.

È indispensabile pianificare attività mirate al benessere organizzativo e al coinvolgimento a tutti i livelli.

Perché molte delle iniziative intraprese dalle aziende oggi si rivolgono ai millennial?

La ragione è da ricercare nell’importante partecipazione da parte della generazione millennial - identificata anche come generazione Y - alla forza lavoro. Secondo gli ultimi dati di Istat citati in un recente articolo del nostro blog, i millennial attivi nel mondo del lavoro in Italia sono circa 7 milioni.

Si stima inoltre che i collaboratori nati tra il 1981 e il 1996 formeranno il 75% della forza lavoro totale entro il 2025 (Fonte: Deloitte).

Le previsioni sul mercato del lavoro spingono sempre più imprese a fidelizzare i giovani talenti, consapevoli del loro valore e contributo al successo del business.

Questo articolo del Sole 24 Ore mette in luce le differenze tra diverse generazioni: quella dei nati tra gli anni 80 e la fine degli anni 90 ha portato a un’evoluzione anche in ambito aziendale.

Digitalizzazione, inclusione sociale e flessibilità diventano temi sempre più prioritari e indispensabili per coinvolgere i millennial e ridurre il turnover.

Questi elementi sono alla base anche della coltivazione delle relazioni con i giovani talenti e si rivelano essenziali in situazioni in cui vengono meno creatività, intuito e motivazione.

Vediamo come si applicano agli strumenti a disposizione delle HR.

1) Ripercorrere le fasi più importanti della crescita professionale

Il dipartimento HR ricopre un ruolo decisivo nel miglioramento del benessere e della motivazione dei collaboratori.

New Call-to-action

Può succedere che alcuni momenti siano piuttosto intensi di impegni lavorativi e progetti e lo stress influenzi la percezione del ruolo, causando cali di motivazione e soddisfazione.

Cogliendo un cambiamento nello spirito e nell’approccio al lavoro, l’HR può intervenire in modo tempestivo.

Un’idea potrebbe essere quella di organizzare un incontro one to one in cui ripercorrere il percorso di crescita professionale in azienda, dai primi giorni agli ultimi progetti intrapresi.

Lo scopo è quello di motivare i collaboratori, facendo leva su competenze, attitudini e contributo al business.

2) Guidare i collaboratori nella gestione dei propri impegni

Soprattutto tra i giovani, tenere traccia delle attività definendo delle pratiche to do list è un approccio al lavoro piuttosto diffuso.

Per quanto questa consuetudine si riveli efficace per assegnare le corrette priorità delle attività, non è priva di rischi: può capitare che gli elementi annotati siano troppi rispetto al tempo a disposizione, generando stress e sconforto.

Il consiglio è quello di guidare i talenti nella gestione dei propri impegni. Ben vengano le to do list, quindi, ma a patto che siano strutturate in modo sintetico, sulla base di obiettivi, urgenze e strumenti a disposizione.

3) Favorire l’inclusione

Una ricerca promossa da Deloitte e citata in questo articolo ha sottolineato i vantaggi di un approccio aziendale inclusivo.

Agli occhi dei millennial, le imprese che rispettano la diversità e promuovono il coinvolgimento stimolano la diffusione di idee, incoraggiando l’innovazione.

Questo approccio può motivare i talenti anche in situazioni complesse. Infatti, il clima inclusivo e la collaborazione tra colleghi fanno leva sulla spinta interiore necessaria per raggiungere nuovi obiettivi.

4) Promuovere la flessibilità

Rispetto alle altre generazioni, i millennial ricercano un forte equilibrio tra vita privata e lavorativa. Il mercato del lavoro è sempre più consapevole dell’importanza della tutela del work life balance.

motivare i collaboratori

Dimostrare attenzione nei confronti dei collaboratori genera un circolo virtuoso di maggiori soddisfazione, engagement e performance.

È molto importante applicare questo approccio alla quotidianità: per cominciare, potrebbe essere utile focalizzarsi su flessibilità oraria e regolamentazione dello smart working.

5) Integrare strumenti di welfare

I benefit e i servizi di welfare aziendale consentono alle aziende di supportare il potere d’acquisto dei collaboratori, rispondendo alle esigenze più diverse.

In particolare, per la generazione Y queste iniziative assumono ancora più valore alla luce delle profonde trasformazioni socioeconomiche degli ultimi anni: disporre di strumenti pratici, versatili e smart migliora la qualità della vita e supporta il benessere.

Tra i benefit e le soluzioni a disposizione delle aziende troviamo:

  • buoni pasto
  • buoni acquisto
  • convenzioni con strutture mediche
  • iniziative dedicate all’intrattenimento
  • finanziamenti e mutui agevolati
  • polizze assicurative
  • fondi pensione integrativi

Nell’articolo di oggi, abbiamo visto come motivare i collaboratori più giovani riservi vantaggi imperdibili. Oltre a rappresentare la percentuale più consistente della forza lavoro del futuro, i millennial possono contribuire a rafforzare l’immagine aziendale, grazie alla loro naturale capacità di divenire brand ambassador.

Se l’obiettivo della tua impresa è migliorare benessere organizzativo, soddisfazione e performance, possiamo supportarti con soluzioni su misura. Prenota una consulenza gratuita!

Consulenza Sodexo Benefits & Rewards

Argomenti: aumentare la produttività, motivazione del personale, work-life balance, cultura aziendale agile

consulenza vantaggi fiscali

Iscrizione al Blog

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle soluzioni per attrarre i dipendenti, rafforzarne la fedeltà e l’engagement e avere un impatto positivo sulle performance.

New Call-to-action

Articoli recenti