<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=184280595606204&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

3 cose da sapere sul trattamento fiscale dei buoni pasto

trattamento fiscale buoni pastoLe aziende che scelgono di mettere a disposizione dei propri collaboratori i buoni pasto sono consapevoli dei vantaggi e dei benefici sul lungo termine. Oltre al sostegno concreto alle scelte alimentari, infatti, questo benefit aiuta a incrementare la soddisfazione, la motivazione e le performance.

In questo articolo, ci concentreremo però sulla possibilità di ottimizzare i costi, approfondendo nel dettaglio il trattamento fiscale dei buoni pasto e le disposizioni che ne regolano la tassazione.

Trattamento fiscale buoni pasto: novità e vantaggi per aziende e collaboratori

Prima di concentrarci sull’aspetto normativo che regola il circuito dei buoni pasto, è opportuno capire perché si tratti di una soluzione davvero vantaggiosa, sia per le aziende, sia per i collaboratori.

In questa indagine pubblicata da IPSOS, si può trovare la classifica dei benefit aziendali più diffusi e desiderati che colloca al primo posto per utilizzo proprio i buoni pasto. Introdotti negli anni Settanta in Italia come soluzione alternativa al servizio di mensa aziendale, oggi sono tra le soluzioni più apprezzate da collaboratori e imprese, anche per l’opportunità di registrare un risparmio sensibile sui costi aziendali.

Nei prossimi paragrafi, vedremo, le tre cose più importanti da conoscere sul trattamento fiscale dei buoni pasto.

1) La differenza tra buoni pasto cartacei ed elettronici

I buoni pasto cartacei si presentano sotto forma di un blocchetto di tagliandi che riportano il valore facciale del buono, il nome dell’azienda e quello dell’utilizzatore. La versione elettronica del buono pasto è invece una tessera dotata di microchip (simile alle carte di credito), leggibile da uno specifico POS in dotazione agli esercenti che aderiscono alla rete di accettazione.

La Legge di Bilancio 2020 ha disposto modifiche importanti che riguardano nello specifico le soglie massime di defiscalizzazione:

  • 4,00€ per i buoni pasto cartacei
  • 8,00€ per i buoni pasto elettronici

New Call-to-action

La quota non sottoposta a tassazione è stata quindi ridotta nel caso dei buoni pasto cartacei, che prima dell’aggiornamento ammontava a 5,29€. L’importo non sottoposto a imposizione fiscale per quanto riguarda il formato elettronico è invece salito da 7 a 8 euro con l’approvazione della Legge di Bilancio 2020.

Questo aggiornamento normativo si è perfettamente allineato alla tendenza che vede la sempre maggiore diffusione di strumenti digitali e smart, buoni pasto compresi, anche in virtù della praticità e della semplicità di utilizzo del formato elettronico.

2) Deducibilità delle spese sostenute dalle imprese

La legge attualmente in vigore stabilisce che le spese sostenute dall'azienda per mettere a disposizione dei collaboratori i buoni pasto siano deducibili per competenza ai fini delle imposte dirette IRPEF, IRES e IRAP. Si specifica che, per potere usufruire di questo vantaggio, è obbligatorio dedurre i costi in riferimento al periodo in cui il collaboratore ha usufruito del servizio. L’IVA è invece interamente detraibile con aliquota fissata al 4%.

3) Buoni pasto o indennità sostitutiva del servizio di mensa?

Le aziende che scelgono di offrire un’indennità sostitutiva del servizio di mensa devono sostenere i costi della comune tassazione. Questa opzione, infatti, va a comporre l’imponibile contributivo e fiscale, dal momento che è erogata direttamente in busta paga a integrazione della retribuzione dovuta al collaboratore.

Mid section of man calculating bills on mobile phoneQuindi, a partire dall'importo totale, azienda e dipendente sono soggetti al versamento di quote destinate a INPS, TFR, IRAP e IRES su IRAP. Fanno eccezione solamente le integrazioni dovute agli addetti alle strutture lavorative a carattere temporaneo (come gli addetti ai cantieri edili) o ai collaboratori impiegati presso unità produttive ubicate in zone in cui manca il servizio di mensa, che sono esenti dalla tassazione fino al limite massimo di 5,29€ al giorno.

Scopri chi ha diritto ai buoni pasto nel nostro articolo dedicato!

La scelta di una soluzione rispetto all’altra dovrebbe prevedere un’analisi approfondita dei costi da sostenere da parte dell’azienda e degli effettivi vantaggi per i collaboratori.

I buoni pasto rappresentano una soluzione pratica e completa che negli anni ha conosciuto uno sviluppo e ha visto incrementare le possibilità di utilizzo (arrivato a un massimo di 8 buoni pasto per transazione al giorno) e l’ampliamento della rete di esercizi commerciali che possono essere convenzionati al servizio. Le aziende che scelgono di mettere a disposizione dei propri collaboratori i buoni pasto si trovano di fronte a un’opportunità di diffondere benessere e contribuire concretamente al miglioramento della qualità della vita dei loro collaboratori, con un benefit estremamente pratico e apprezzato.


Nell’articolo di oggi, abbiamo esaminato la normativa che regola il trattamento fiscale dei buoni pasto, il benefit aziendale più diffuso in Italia. Oltre ai numerosi vantaggi indiretti, tra cui il maggior benessere che determina un incremento della motivazione dei collaboratori e delle performance, abbiamo visto come si possa ottenere un risparmio concreto anche dal punto di vista contributivo.

Vuoi saperne di più? Calcola subito il risparmio fiscale oppure richiedi una consulenza gratuita e senza impegno, per conoscere le modalità di attivazione del benefit: clicca qui!

Consulenza Sodexo Benefits & Rewards

Argomenti: buoni pasto, normativa fiscale, buoni pasto elettronici, gestione operativa

consulenza vantaggi fiscali

Iscrizione al Blog

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle soluzioni per attrarre i dipendenti, rafforzarne la fedeltà e l’engagement e avere un impatto positivo sulle performance.

New Call-to-action

Articoli recenti